“Ma io l’ho già vista da qualche parte, ha un’aria familiare, lei è Beatrice Dalia, il giudice di Forum“. A due anni dal mio “ritiro” televisivo, ancora gli sguardi della gente mi frugano. Occhi curiosi che vanno su e giù dal mio viso ai miei piedi, in una esplorazione interrogativa; la sensazione di conoscermi bene, la difficoltà di ricordare esattamente perché. Di tutto quello che sono e ho fatto resta questo l’aspetto predominante: la familiarità che sente chi mi seguiva da casa quando indossavo la toga nel programma televisivo a sfondo giuridico più popolare della televisione. Eppure “Forum” è stata solo una parentesi, sebbene lunga sette anni, della mia vita professionale.

Beatrice Dalia diritto e cuore

Nel mio percorso professionale, l’essere avvocato e al tempo stesso giornalista, mi ha permesso di parlare di leggi e sentenze in un modo accessibile e appassionante, il diventare madre ha fatto di me una persona ancor più di cuore. E di cuore, nelle vesti di giudice arbitro televisivo ne ho messo tanto, provando a portare per mano le persone in quella dimensione delicata e sensibile che è il retroscena del contenzioso. Dietro un litigio, soprattutto in ambito familiare o comunque affettivo, c’è sempre un dolore profondo o un malessere; il desiderio di essere capiti, perdonati, aiutati; la necessità di essere visti nei propri bisogni. Per questo, dopo ogni mia “sentenza”, spesso mi ritagliavo un momento di riflessione; qualche parola detta per lenire il senso di ingiustizia di chi aveva perso o per sminuire la vittoria di chi aveva avuto la meglio per un cavillo.

Quello spazio oggi mi manca, quel momento di condivisione a martelletto già battuto mi rappresenta davvero in pieno. Una mamma esperta di diritto, con una buona comunicativa e una grande umanità; ecco, questa sono io. Da qui l’idea di un blog per continuare a parlare, con chi aveva piacere di ascoltarmi, di diritto…con cuore.

Ringrazio Silvia Adamo per il progetto fotografico e Carlo Rullo della piattaforma www.didakos.it che hanno reso tutto ciò possibile.

Benvenuti !